Il panettone curativo

Il panettone curativo
Se in questi giorni, guardando le vetrine delle pasticcerie, avvistate qualche panettone, non stupitevi più di tanto. Non sono avanzi di magazzino che non sanno come smaltire, ma semplicemente un’antica tradizione milanese: nella città meneghina è usanza mangiare insieme in famiglia un panettone, per preservarsi dai mal di gola per... Continua »
febbraio 2, 2015

“Pan del Toni” : il panettone dalla roma tardo imperiale ad oggi

“Pan del Toni” : il panettone dalla roma tardo imperiale ad oggi
Tutti ne abbiamo mangiato in quantità durante queste ultime vacanze natalizie. Ma sappiamo veramente le storie all’origine di questo dolce? Fin dai tempi dell’impero romano, nel periodo natalizio, le famiglie lombarde si riunivano intorno ad un ceppo acceso sul quale il capofamiglia spargeva ginepro e e vino e quindi spezzava... Continua »
gennaio 8, 2015

A spasso coi Re Magi

A spasso coi Re Magi
Quella del corteo dei Magi che, il giorno dell’Epifania, parte da Piazza del Duomo e arriva a Sant’Eustorgio, è una delle tradizioni più antiche di Milano. Dopo la sottrazione delle spoglie dei re Magi infatti, a Milano il ricordo di questi ultimi era rimasto vivo, tanto che, secondo il cronista... Continua »
gennaio 5, 2015

2015…non è l’anno ma i metri di calza!

2015…non è l’anno ma i metri di calza!
(Nella foto la calza record del mondo 2013 a Viterbo) L’Epifania tutte le feste si porta via e a Milano lo farà in maniera spettacolare: con una gigantesca calza, la più lunga del mondo. L’appuntamento è per martedì 6 gennaio in Piazza Duomo con Expo Sport Open Day – Una... Continua »
gennaio 4, 2015

Babbo Natale versione milanese

Babbo Natale versione milanese
Una nuvola rossa ha invaso a sorpresa piazza Duomo colorandola con gli abiti da Babbo Natale indossati da decine di pattinatori che si sono dati appuntamento così per scambiarsi gli auguri, per un originale scambio di auguri nel cuore della città. Ecco a voi una foto dell’originale flash... Continua »
gennaio 2, 2015

La casa di Babbo Natale. Lapponia? No, Melegnano!

image

In questi giorni di festa la casa di Babbo Natale in via Platani a Melegnano, che rappresenta ormai un fenomeno a livello nazionale, è presa d’assalto da migliaia di visitatori in arrivo dall’intera regione.

Vi chiederete cos’abbia di così speciale…ecco la risposta in numeri: 10.580 m. di filo elettrico e 408.180 LED. Si, avete capito bene, questo è il materiale che ogni anno il proprietario di casa sfodera per decorare la sua abitazione.

Guidato dalla pura passione Massimiliano Goglio, consulente informatico con il pallino delle nuove tecnologie, sin dal lontano 1982 addobba il giardino di casa con centinaia di lucine a tema natalizio. Successivamente la passione è sfociata anche in un lavoro, prestando consulenza e progettazione sia per luoghi pubblici e privati, collaborando con aziende specializzate solo con prodotti professionali.

Il suo è un hobby che dura praticamente tutto l’anno: i lavori hanno inizio dalla seconda metà del mese di gennaio subito dopo la fiera internazionale del Natale che si svolge a Milano e Francoforte. ” La fiera mi dà la possibilità di trovare nuove idee e  scegliere i materiali per  acquisti futuri.” aggiunge Goglio.

L’installazione luminosa esterna della casa invece ha inizio già dai primi giorni del mese di settembre e si sviluppa su una superficie di 35 m. x 20 m. x 40 m.

Ogni anno,  le luci si accendono  il 7 dicembre per S. Ambrogio  e si spengono il 6 gennaio; gli orari sono  dalle ore 17.00 alle ore 22.00.

 

Note in Centrale

3ZZ8BHOR5676-1965-U1040106667257948B-U10401069280396L7C-450x245@LaStampa-NAZIONALE-ke2F-U10401069280396L7C-700x394@LaStampa.it
Dal 1 dicembre fino all’Epifania presso l’altro della Stazione Centrale di Milano un pianoforte sarà a disposizione di tutti. E’ l’iniziativa natalizia di Grandi Stazioni. Chiunque può mettersi a suonare ed esibirsi per i viaggiatori in transito e, magari, mostrare il proprio talento.

Qualche giorno fa infatti, proprio accanto all’albero di Natale, è spuntato un verticalino Kawai con il seggiolino lucchettato a una gamba (non si sa mai) e la scritta «Play me, I’m yours»

L’idea però non è nuova: è venuta nel 2008 all’artista britannico Luke Jerram e da allora i pianoforti a tocco libero sono apparsi in piazze, parchi, stazioni, aeroporti di tutto il mondo, si calcola che nel mondo esistano più di 700 pianoforti in trenta città.

 

L’albero dei viaggiatori

Schermata 12-2457009 alle 23.14.00

Come è avvenuto ogni dicembre negli ultimi anni, anche in questi giorni è apparso presso la stazione centrale l’albero dei viaggiatori ovvero un abete piuttosto spoglio che viene decorato nel tempo dai messaggi di auguri, speranza e desideri lasciati dai passanti su bigliettini.

C’è chi sogna una laurea, chi un animale domestico, chi un giocattolo, chi di rimettersi in salute o di trovare un lavoro, grafie di bambini che chiedono doni improbabili si alternano a quelle di adulti che ne chiedono di altrettanto impossibili.

A detta di negozianti e addetti ai servizi di mantenimento e pulizia della stazione, lo scorso anno si contavano almeno il doppio dei bigliettini. Segno forse che il clima di austerità che viviamo si riflette anche sui desideri di milanesi e viaggiatori, che di certo non sono famosi per la loro espansività.

Finalmente un’espediente che consenta ai cittadini di Milano o ai visitatori temporanei della città di potersi fermare per qualche minuto a riflettere sul mondo nonostante il caos di un luogo come la stazione, o soltanto di pensare un po’ a se stessi e alle proprie volontà.

L’abete si trova un po’ a destra superato l’ingresso di mezzo e ha ancora ampio spazio a disposizione su frasche e rami…non siate timidi, lasciate anche voi il vostro messaggio!
Schermata 12-2457009 alle 23.14.32

 

Milano: natale da record

Schermata 12-2457007 alle 09.21.56C’è chi aveva parlato di un derby tra alberi di Natale, una sfida all’albero più bello fra quelli di Piazza Duomo e Porta Garibaldi.

Tradizionale il primo, un pino illuminato che si eleva fino alle vette più alte della cattedrale meneghina, tecnologico il secondo, con l’augurio di Buone Feste in sedici lingue diverse.

A sorprendere ancor di più, però, stavolta è la Torre Isozaki, che grazie alla particolarissima illuminazione si è presto trasformato nell’albero di Natale più alto d’Italia.

Già, perché il “dritto”, come viene chiamato in gergo, coi suoi 202 metri di altezza che svettano al centro di City Life è l’edificio più alto dello Stivale, e grazie al gioco di luci creato per l’occasione ha preso le forme di uno straordinario abete visibile quasi da ogni angolo della città.

123811384-5fdda01d-acf9-4a02-8e4c-c9524ed60e65

S. Lucia, il giorno più corto che ci sia!

Santa Lucia 2013

Per il quinto anno consecutivo l’Ambasciata di Svezia porta in Italia una delle tradizioni più amate nel calendario svedese: la festa di Santa Lucia. I festeggiamenti si svolgeranno in collaborazione con  VisitSweden, Assosvezia e la Camera di Commercio Italo-svedese.
A Milano l’appuntamento è stato ieri, 11 dicembre presso la chiesa di San Fedele dove alle 17.30 si è svolto un corteo di Santa Lucia, composto da giovani del liceo musicale Nordiska Musikgymnasiet di Stoccolma, tutti in vesti bianche e con in mano una candela, che hanno cantato una decina di inni tradizionali natalizi.

Coro+di+Santa+Lucia_chiesa

Come si festeggia la Santa Lucia in Svezia? All’alba del 13 dicembre, migliaia di bambini e adolescenti illuminano il buio invernale con canti, dolci e candele. In ogni angolo del Paese, nelle famiglie, scuole, asili, uffici, negozi, ci si riunisce ad ascoltare le melodie natalizie e per festeggiare la luce in attesa del Natale. Il corteo di Santa Lucia arriva anche nelle prigioni, negli ospedali, nelle case di riposo e in altri luoghi in cui la mobilità è più difficile. E proprio questa l’idea di Santa Lucia: non bisogna cercarla, viene ovunque nelle città, e porta la luce dove c’è il buio.

Ma questa festività non è legata solo ai paesi nordici: non tutti sanno che Santa Lucia è la protettrice della Cattedrale di Milano. Proprio per questo sabato 13 dicembre alle ore 14.00 sarà possibile partecipare alla visita tematica “Lucia, Santa protettrice del Duomo”: la storia della santa che da secoli veglia sugli artigiani del Duomo, in una visita che dalla Chiesa di Santa Maria Annunziata in Camposanto, dove ogni anno ha luogo l’antica messa in ringraziamento alla Santa e la consegna del “pane di Santa Lucia”, arriva fino al Duomo.

Prenotazione obbligatoria a: [email protected] , per maggiori informazioni visitate il sito www.duomomilano.it